Manjaro Linux - Forum Italiano

Galinstano come composto termoconduttivo

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Galinstano come composto termoconduttivo
« il: Febbraio 15, 2020, 06:21:10 pm »
Buonasera amici,

so bene che questo non e' probabilmente il forum giusto in cui discutere di un argomento del genere, ma in fin dei conti faccio parte di questo comunita', dove immagino ci siano anche appassionati di hardware e di sistemi di raffreddamento.
Il galistano, chiamato anche metallo liquido, e' una miscela variabile composta normalmente da indio, stagno e gallio. A temperatura ambiente e' liquido, e puo' essere utilizzato come conduttore di calore al posto della pasta termica, con prestazioni enormemente superiori.
Il galistano, non so se per colpa del gallio o dell'indio, e' distruttivo per l'alluminio, in grado di scioglierlo in pochissimo tempo. Non potrebbe quindi essere usato, ad esempio, su un dissipatore originale Intel.
Non riesco tuttavia a capire (perche' i pareri sono discordanti) come si comporti invece rispetto al rame o al rame nichelato, cosi' come non e' chiaro cosa possa fare al silicio dei processori, o meglio dire al rivestimento esterno del silicio, che credo sia una specie di smalto trasparente.
L'elettroconduttivita' del galinstano non e' un problema, ovvero basta isolare la zona e applicarlo con attenzione; mi tornerebbe molto utile sulla scheda video e specialmente sul portatile, dove qualche grado in meno farebbe davvero la differenza, dato che sono limitato dalle temperature.
Purtroppo pero' non riesco a capire quale sia il comportamento chimico dei metalli contenuti nel galinstano, ovvero vedo centinaia di persone parlarne e usarlo nei loro sistemi, ma non ho letto alcun parere autorevole di qualcuno che conosca la chimica, che sappia per certo se ci siano interazioni. Le mie conoscenze di chimica purtroppo sono molto basilari e arrugginite.

L'unica cosa che mi verrebbe in mente di fare, probabilmente non molto intelligente, sarebbe di placcare in oro qualunque superficie in cui vada applicato il galinstano, perche' sono sicuro che l'oro non reagisce con nulla, tranne l'acqua regia e un altro composto di cui non ricordo il nome.  ;D

Buon sabato a tutti.
Raffaele

Manjaro Linux KDE su GPD Pocket 2 con Intel m3-8100y e Intel UHD 615
Manjaro Linux KDE su Asus Rog Strix Z390-F Gaming, Intel i7 9700k, Nvidia 2080Ti

D-BARTO

  • *****
  • 1185
  • Rolling User
Re:Galinstano come composto termoconduttivo
« Risposta #1 il: Febbraio 16, 2020, 12:48:17 pm »
Ciao
Il gallio l'alluminio lo distrugge, il rame non fa una piega.(si lucida un pochino)
Comunque personalmente non lo userei all'interno di un pc.
Se per sbaglio ti cade/scivola fuori e va direttamente nella scheda madre pu far danni seri.
Una delle propriet del gallio positiva negativa non lo so quella che si scioglie a temperature ridicole circa 30 gradi.
Una cpu a 30 gradi praticamente fredda, idem per schede video(questo basta per farmi desistere).
E vero che non c solo il gallio nel galinstano ma eviterei comunque, e resterei sul tradizionale.
Penso dunque sono acceso  :)
Rolling User: Manjaro 64bit Kde Plasma,Mate,Xfce--PCLinuxOS 64 bit Mate
---------------------------------------------------------------
Intel Core i3-3217U CPU 1.80GHz 4  Intel 3rd Gen Core processor Graphics
e AMD E2-7110 APU-AMD Radeon R2 Graphics  4x 1.8GHz

max deal

  • *****
  • 1318
  • The dark side of the moon
Re:Galinstano come composto termoconduttivo
« Risposta #2 il: Febbraio 16, 2020, 04:14:37 pm »
Ho sempre usato la pasta tradizionale per le cpu e non ho mai avuto problemi e mi sa che vado avanti cosi.
Un augurio di una vita serena e tranquilla.

manjaro xfce
Quad Core model: Intel Core2 Quad Q6600 bits: 64 type: MCP
  L2 cache: 4096 KiB
AMD Park [Mobility Radeon HD 5430] driver: radeon v: kernel